Archive | gennaio 2011

Per il Giorno della Memoria, 27 gennaio 2011 (via federico novaro someday)

Molti oggi ricorderanno lo sterminio degli ebrei – e molti lo faranno ritualmente, se non con punta di fastidio, purtroppo. Pochi ricorderanno che oltre a milioni di ebrei furono sterminati anche centinaia di miglialia di zingari, malati mentali, oppositori politici, e omosessuali. A questi ultimi rivolge un ricordo Federico Novaro collegandolo anche alla visione di un film, “Paragrafo 175” , che raccoglie le testimonianze dei pochi scampati che si sono sentiti di dare in video la loro testimonianza. Il dvd si trova in vendita ed è consigliato.

Per il Giorno della Memoria, 27 gennaio 2011 Il Paragrafo 175 Durante il regime nazista in Germania le leggi che punivano gli atti omosessuali e, poi, l’omosessualità stessa, ed infine anche le sole fantasie omosessuali, vengono inasprite in senso repressivo e persecutorio sino a portare un numero, che probabilmente non si potrà mai quantificare esattamente, di omosessuali e di lesbiche nei campi di concentramento, dove moltissimi e moltissime di loro trovarono la morte (“Furono da 10 a 15 … Read More

via federico novaro someday

“Tamara Drewe” di Posy Simmonds

 

Ritaglio da “Tamara Drewe” di Posy Simmonds – Nottetempo edizioni

Il film di Stephen Frears non l’ho visto, ma ho guardato il trailer che fa intravedere una certa fedeltà di trama e luoghi – in quanto allo spirito, davvero difficile poter ritrovare il mix particolare di fumetto e letteratura della Simmonds, già nota per “Gemma Bovery“.
Si fatica un po’ a entrare nel piccolo mondo intellettuale e borghese degli scrittori riuniti in questa specie di fattoria situata nella campagna inglese: quanta boria, quanta meschinità…Ma poi il racconto decolla, grazie anche al cambiamento dei punti di vista, all’irrompere di nuovi personaggi, al ruolo delle due ragazzine annoiate che avranno via via un ruolo sempre più importante negli accadimenti del libro.
La Simmonds tratteggia con bravura i suoi personaggi sia graficamente sia letterariamente, e lo humor sottile si trasforma spesso in sarcasmo, con ottimi risultati.