“Inuyashiki – L’ultimo eroe” di Hiroya Oku

Ultimo eore

Inuyashiki – L’ultimo eroe” di Hiroya Oku è pubblicato da Panini Comics nella collana Planet Manga.
Hiroya Oku è famoso per la lunga saga di Gantz – da me seguita per i primi volumi anni fa e poi abbandonata (troppo surreale, troppo violenta). In questo Inuyashiki c’è sempre l’elemento fantascientifico, ma forse una maggiore aderenza alla realtà, una critica sociale persino – per saperne di più leggere questo articolo su Fumettologica.

(per le immagini del manga seguire il senso di lettura giapponese – da destra verso sinistra)

WP_20151230_008
WP_20151230_005

Dopo la mia lettura del commovente “Il cane che guarda le stelle” di Takashi Murakami trovo un cane anche qui – simbolo di amore disinteressato.

WP_20151230_003

C’è il tema della marginalità, del cinismo dei rapporti familiari e sociali, della violenza insensata.

WP_20151230_002

E una impudica citazione di se stesso da parte dell’autore: un personaggio  è un fan di Gantz e parla del manga con un ragazzo che dice che è “stroncato da tutti perché non si capisce un cavolo”.

WP_20151230_009

Seguirò con curiosità questo manga, peraltro disegnato con la consueta eleganza e perizia da Oku.

il peso del fumo

Non sempre sono d’accordo con Boris Battaglia ma le cose che scrive sono certamente da leggere, meditare, discutere.
Per gli amanti del fumetto ma anche per chi non ne sa nulla.

bistrot babeuf

il-peso-del-fumo_1167840

Avevo bisogno di dare una sistemazione organica a quanto sono venuto dicendo sul fumetto in tutti questi anni di blog e altre cazzate varie. Ho risistemato le idee in queste 160 paginette.

Puoi, se vuoi, procurartelo qui

View original post

“Tutta un’altra storia” di Giovanni Dall’Orto

Tutta un'altra storia cop

Dall'Orto1

Tratto dalla “Premessa” dell’autore


Dall'Orto2

Tratto dal capitolo 23


Dall'Orto3


Dall'Orto4 Tratto dal capitolo 24

Pochi brani presi un po’ a caso tra i tanti che avrei potuto scegliere da questo libro molto interessante, da cima a fondo: “Tutta un’altra storia – L’omosessualità dall’antichità al secondo dopoguerra” di Giovanni Dall’Orto – Il Saggiatore (2015).
Il volume è poderoso, eppure molto spesso si vorrebbe leggere di più e approfondire – cosa che in parte avviene tramite un ampio apparato di note, e i rimandi ad altri testi dell’autore sul suo sito: http://www.giovannidallorto.com/
Grande bella lettura, con un punto di vista preciso ma argomentato con una massa di notizie e citazioni che dimostrano il lavoro accurato e profondo di ricerca storica.
Una bella intervista  all’autore (con annesso dibattito) si può ascoltare qui (ascoltare almeno i primi minuti per farsi un’idea del contenuto e del punto di vista del libro): https://soundcloud.com/consulenze-editoriali/presentazione-libro-di-giovanni-dallorto-tutta-unaltra-storia

Cookie Law: E’ arrivato il widget ufficiale per WordPress e si chiama EU Cookie Law Banner

Per chi non aveva ancora messo il banner “personalizzato”.

ToxNetLab's Blog

Pile of chocolate chip cookies isolated on white background

Qualcosa si è mosso e parlo di Cookie Law e WordPress, finalmente è uscito il widget ufficiale per essere in regola con le specifiche volute dalla Cookie Law. Il widget si chiama EU Cookie Law Banner. 

CONFIGURARE EU COOKIE LAW BANNER

La prima cosa da fare è andare su Aspetto ==> Widget e poi scegliere il widget di nome EU Cookie Law Banner. Una volta definito dove posizionarlo iniziamo a configurarlo. La schermata che vi trovate davanti è la seguente.

widget cookie law

Il primo passo da definire è decidere quando far scomparire il banner:

  • Dopo aver cliccato il pulsante Chiudi
  • Dopo aver scrollato la pagina
  • Dopo un tempo definito da noi

Il passo successivo è quello di definire il testo del banner e questo dipende dal tipo di cookie che utilizzate sul vostro blog, cookie tecnico, di profilazione o di terze parti. Dopo aver definito il testo definiamo l’aspetto grafico se averlo chiaro o scuro…

View original post 140 altre parole

“Ultime tendenze nell’arte d’oggi” di Gillo Dorfles

Dorfles 1


2


3Brani tratti dal capitolo 11 “Arte concettuale” del libro di Gillo Dorfles “Ultime tendenze nell’arte d’oggi – Dall’informale al concettuale – Feltrinelli Editore – 1981

Questo libro, anche in una ristampa più recente, risulta esaurito; io lo lessi e studiai ai tempi della mia frequentazione dell’Accademia di Belle Arti, ormai quasi 30 anni fa.
A quei tempi la scoperta dell’arte contemporanea, in particolare quella dell’area concettuale, mi entusiasmò parecchio, e questo libro, nella sua chiarezza, fu uno dei miei preferiti tra le letture del tempo.
Su Google Books potete leggere una bella anteprima della versione del 1999, che rispetto alla mia del 1981 presenta dei capitoli finali in più (potete vedere la differenza guardando copertina e retro della mia edizione, qui e qui).

Cookie Law, non chiudo il sito, ma spero in chiarimenti

In questi giorni giorni ho perso un sacco di tempo a leggere articoli sulla Cookie Law (o meglio sull’ Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie).
Per quel che ho capito qui su WordPress.com, Blogger, ecc., dove chi apre un blog lo fa appoggiandosi sui servizi resi da queste piattaforme basta un box sulla pagina con il link all’informativa estesa.
Di questo e altro parlo nel mio ultimo post sul mio blog principale: “Ancora sulla Cookie Law (e poi basta, spero)“.
Potete vedere a fianco il box che ho “copiato” da qui, e spiego tutto in questo post:” Cosa ho fatto per essere in regola con la Cookie Law (più o meno)“.
Non chiudo il blog, però aspetto chiarimenti perchè non mi sembra che le persone comuni debbano rimanere in balia di chi dice una cosa e chi un’altra. La legge sarà anche giusta, di principio, ma se se non si danno strumenti semplici e applicabili dalla gente comune mi sembra inutile, ci sarà spazio per errori e perdite di tempo e denaro.

Da domani sospendo questo sito a causa della “Cookie Law” [EDIT: non per adesso]

[EDIT]: Ho messo un box a lato, pur sapendo che non è proprio quello che occorrerebbe per ottemperare alla legge (per dire nella versione mobile neanche si vede se non si va in giro per la pagina), giusto per dimostrare la buona volontà. È WordPress.com che dovrebbe pensarci, ma ancora meglio sarebbe da cambiare questa legge. Spiego tutto qui: http://patriziamandanici.blogspot.it/2015/06/cosa-ho-fatto-per-essere-in-regola-con.html

Da domani renderò [EDIT: ci ho ripensato per adesso] questo sito momentaneamente privato per non andare “fuori legge” a causa di questa legge: “Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie.
Ne ho parlato nel mio blog principale, qui: La legge sui cookies nei blog (Cookies Law): dubbi e riflessioni
Immagino che il Garante non si accanirà su semplici blog amatoriali, ma la legge è legge e riguarda tutti i blog, anche quelli ospitati su grandi piattaforme come Blogger e WordPress.com (che però non fa apparire nessun banner con nessuna info).
Oggi poi ho scoperto che anche se Blogger fa apparire automaticamente il banner con le info per il consenso sui cookies questo non appare nella versione per Mobile, se attivata.
Insomma un bel casino.

In attesa di informazioni più certe questo blog va a nanna, mi dispiace.